Storie di Robot sulle orme di Leo Lionni

La mia terza Summer School di Scuola di Robotica, dedicata a Storie di robot, è stata intensa tra progettazione e conduzione dei laboratori per i più piccoli della fascia tra i 5 e i 7 anni. Robotica ed elettronica educativa, creativa e coding sono stati combinati con la letteratura per l’infanzia, attraverso letture ad alta voce di 4 testi tra le opere dell’autore olandese Leo Lionni, in un “viaggio” in cui il robot potesse essere tramite per narrare il mondo dell’infanzia dalla ricerca dell’identità personale, all’espressione artistica, fino all’identità di gruppo.

La lettura del libro Pezzettino ha aperto i laboratori e ha condotto i bambini verso la scrittura di una storia robotica in cui il robot-personaggio ha avuto la sua “identità” composta di tanti pezzi assemblati da materiali di recupero. La casa più grande del mondo, invece, ha dato inizio ad un pensiero di progettazione: può un robot essere “caricato di cose” ed avere facilità di muoversi? In questa occasione l’ape Blue-Bot è stata trasformata in una lumachina con tutte le difficoltà del caso, un nuovo guscio, un traino adeguato per trasportare la “propria casa” e ostacoli di un “bosco” ricostruito, per una programmazione del robot tutta da scoprire.

Superato questo primo giorno, quello successivo è stato dedicato al mondo dell’arte e del colore. Primo passo il coding casuale della Blue-Bot con uso di pennarelli ed un grande foglio bianco su cui riversare il nostro quadro collettivo alla Kandinkij, appeso, poi, alla parete per accompagnarci durante la Summer School. Il secondo passo è stato la lettura del più classico di Lionni Piccolo blu e piccolo giallo, perfetto per introdurre il laboratorio sulla teoria del colore di Johannes Itten, dove tempere ed acetati hanno trovato la loro unione in una sorta di “tavolozza analogica” e l’applicazione Scratchjr ha permesso di animare le nostre macchie di colore, non senza considerazioni sulla differenza tra ambiente reale ed ambiente virtuale.

Il nostro viaggio, e dunque la nostra Summer School, si è conclusa con varie attività, tra razionalità, creatività e fantasia, dove i moduli elettromagnetici littlebits sono stati il focus della progettazione. Una fase iniziale di brainstorming ha sviluppato nei bambini la curiosità del kit, che ha portato alla costruzione finale di una torcia elettrica e all’ultima lettura ad alta voce del racconto di Guizzino, per una drammatizzazione di storia collettiva negli abissi marini. Pesci-personaggio, due sommergibili pescatori, un relitto, un tesoro e una pergamena dalla scritta segreta, sono stati, i nostri protagonisti in un’ambientazione affascinante, tra materiali di plastica trasparente colorata, LED di littleBits e la comparsa di una nuova tecnica artistica, l’arte fluorescente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *