Prime astronavi per ARS!

Il secondo incontro di robotica educativa presso la Scuola Primaria Suore Domenicane di Quinto è stato due venerdì fa, la settimana scorsa eravamo in pausa didattica e ci siamo preparati alla prossima lezione, in cui sperimenteremo un po’ e introdurremo il Lego WeDo 1.

Ma cosa abbiamo fatto l’ultima volta? Abbiamo sfidato un poco la nostra capacità di problem solving (come si dice nelle aziende che cercano personale in grado di far fronte all’imprevisto) provando a costruire un’astronave con soltanto dieci mattoncini Lego e senza sapere in anticipo quali pezzi fossero a disposizione. Una progettazione alla cieca, insomma, condivisa con un compagno di viaggio, completata con un disegno e con la scelta di un nome per la navicella e conclusa con la realizzazione tridimensionale del modellino.

Non è stato affatto semplice capire come adattare all’idea iniziale, magari complessa e piena di particolari, i pochi, semplici pezzi utilizzabili.
Cosa mantengo e cosa sacrifico? Quale caratteristica del progetto mi sembra così speciale da ritenere importante ci sia anche nella costruzione finale? Come posso trovare un compromesso tra la mia creatività e quella della mia compagna? Cosa sono disposto a modificare e cosa invece non voglio proprio che cambi?

La seconda lezione ci è servita dunque per imparare a lavorare insieme, una competenza importantissima perché il nostro percorso sarà sempre condiviso e sarà importante saper vedere questo aspetto come un valore aggiunto, come un’opportunità in più e non come un limite imposto. Gli esperimenti che ci attendono la prossima volta li affronteremo in gruppo, come se fosse una grande festa, ma dovremo essere comunque pronti a dividerci di nuovo in piccoli team di lavoro, per usare i computer e programmare le costruzioni che realizzeremo con il Lego WeDo, quello che i bambini continuano a chiamara “il Lego tecnologico”.

Io sono prontissima, voi preparatevi dando un’occhiata alle nuove foto che abbiamo caricato nell’album di ARS: Albero Robotico Spaziale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *