Sundaybot: al Villaggio di Babbo Natale con Makey Makey!

Domenica scorsa, al MadLab di Via della Maddalena, abbiamo organizzato un laboratorio interamente dedicato al Tinkering e al Natale.
L’obiettivo era quello di costruire un piccolo villaggio di Santa Claus utilizzando Lego e materiali di recupero di ogni tipo (cartone, stoffa, barattoli, rotoli di carta igienica, tappi) per poi animarlo con l’aiuto di Makey Makey e Scratch 2.0.

Possiamo dire di aver decisamente raggiunto la nostra meta!

La mattina abbiamo preso confidenza con il kit tecnologico che avremmo impiegato nel pomeriggio per rendere conduttori alcuni punti del “plastico”. Come? Costruendo una tastiera alternativa con un pezzo di cartone, qualche tappo di metallo, tanta plastilina e… uno spicchio di mandarino!

Dopo aver giocato a Space Invaders e suonato il pianoforte con il joystick fai da te abbiamo pranzato osservando le stampanti 3D sistemate attorno a noi e ci siamo interrogati sui loro molteplici, possibili utilizzi.

Il pomeriggio ci siamo completamente dedicati alla progettazione e alla costruzione del Villaggio di Babbo Natale: colla a caldo, nastro adesivo, carta colorata, pennarelli, forbici e cartone per le case, cavi coccodrillo, scotch di rame e carta stagnola per le connessioni elettriche. Dopo aver scelto i “punti conduttori” sulla base delle storie che volevamo raccontare (l’elfo caduto nel fiume, la piccola aiutante in attesa davanti alla porta di Santa Claus…) abbiamo programmato dialoghi e aneddoti con Scratch 2.0.

Porte che si aprivano cigolando, nocche che battevano toc toc toc sul tavolo per registrarne il suono, inviti a entrare sussurrati nel microfono, fiumi che scorrevano, personaggi che urlavano e auguri di Buone Feste che si perdevano nell’aria.

A laboratorio terminato sul tavolo di lavoro regnava un gran caos, ma ogni casetta del villaggio aveva ricevuto la sua animazione, totalmente ideata e personalizzata dai ragazzi, con grossa soddisfazione per tutti, grandi e piccini!

Altre foto di questa attività le trovate qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *