Robotica, bambini e Jackson Pollock

L’ action painting è uno stile di pittura che consiste nell’applicare il colore con rapidi movimenti fino ad arrivare alla tecnica di gocciolamento spontaneo sulla tela. L’americano Jackson Pollock è l’artista che meglio rappresenta questa espressione d’arte astratta; i suoi dipinti, se pur criticati, attraggono ed affascinano allo stesso tempo.

Nelle scuole d’infanzia questo processo di pittura è molto diffuso utilizzando speciali “colori a dita”, dove il foglio di carta è la superficie reale su cui agire in piena libertà, non si riempie nessuna forma, non si distingue disegno e sfondo: si rispetta l’attività informale dell’arte gestuale. Cosa succede se una Scribbling Machines riesce a realizzare questa tecnica artistica attraverso una pila, un motorino elettrico e tre pennarelli attaccati al suo corpo? L’azione rappresentata su foglio non è più manuale, ma quella dell’energia sprigionata dalla batteria, che è riprodotta in forma di disegno tramite i pennarelli, spinti dal moto di un’elica montata sul motorino della macchina scrivente. I risultati sono curiosi ed esteticamente interessanti, si vengono a contrapporre linee frastagliate paragonabili ad una serie di fulmini; se si prende in considerazione la loro struttura, la saetta rispetta quelle che sono le regole della geometria frattale che servono a descrivere e a simulare la natura ed i suoi fenomeni. Una figura frattale è, infatti, frastagliata, spezzettata, spigolosa. Ecco forse svelato il fascino di questa tecnica.

Per provare questa attività tutta in digitale ecco un link davvero…gestuale:
Muovi il mouse, clicca, tocca lo schermo, trascina…e scopri jacksonpollock.org

Tratto da “Il piccolo Bit” di Rossella Spinetta

Approfondimento dal Web:
Bruno D’Amore – Arte e matematica
Didatticarte – L’esperienza sensuale del colore

Foto: Autumn Rhythm, Jackson Pollock.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *