Cosa significa stampare in 3D?

E’ questa la domanda che ha condotto noi di Scuola di Robotica e del MadLab nel cercare di realizzare un programma coerente di 120 ore sulla stampa 3d finanziato dalla regione Liguria nel quadro dei corsi per disoccupati. La prima risposta è stata: facciamo un corso di disegno 3d e poi di stampa.
Ma non ci convinceva.
La seconda risposta è stata: insegnare a stampare in 3d, per cui ci dovremmo concentrare soprattutto nel processo a valle del disegno.
Ma anche questa risposta non ci convinceva.
La terza risposta è stata: combiniamo le prime due idee.
Ma continuava a mancarci qualcosa.
E così siamo dovuti passare a una quarta idea: insegnare a progettare.
Ed è quello per cui abbiamo optato.
La progettazione.
Di sicuro su questa decisione avrà pesato il nostro passato e il nostro presente, in cui cerchiamo di progettare tutto dalla formazione, alla comunicazione (in questo caso spesso con scarsi risultati!), dalla presenza dei giovani studenti delle scuole fino a quelle degli stagisti universitari.
Progettare.
Dal latino “gettare avanti”. E ricorrere all’etimo di questa parola mi fa capire come probabilmente è per questo che ci siamo convinti che la risposta alla domanda “cosa significa stampare in 3d”  sia: progettare.
Gettare in avanti, cercare di pensare al futuro, porne le basi e le fondamenta.
La stampa 3d obbliga alla progettazione. Altrimenti rimane confinata alle statuette di Yoda, alle custodie per smartphone e poche altre cose che di solito potete vedere esposte alle numerose fiere a tema.
Per consentire alla stampa 3d di avere successo dobbiamo gettare un ponte in avanti, una visione. In cui le stampanti e la produzioni domestica o locale di oggetti possa essere realmente utile.
E’ questo che cerchiamo di fare con il Madlab e ora con questo corso che consideriamo un modo per creare un team di sviluppo, un team legato alla realtà come noi.
Abbiamo iniziato da poco, ma ci piace progettare per cui stiamo già pensando alla fine del corso. Quando ci saranno dodici persone che saranno in grado di avere dei progetti dedicati  alla stampa 3d, che saranno in grado di progettare.
E dato che ci piace sognare, magari dalle idee che nasceranno da queste capacità potranno nascere nuovi posti di lavoro, nuove imprese, nuove idee!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *