Passo uno

Il laboratorio di stop motion in piena attività
Il laboratorio di stop motion in piena attività

Creare una storia in formato digitale è sempre un percorso d’invenzione, scoperta e studio.

In questa fase del corso di robotica educativa alla Scuola Fermi, i bambini si sono messi alla prova come sceneggiatori, registi e realizzatori di brevi video utilizzando la tecnica di ripresa in stop motion, che ha permesso di raccontare una storia attraverso l’animazione di oggetti. L’attività è stata svolta con l’ausilio di risorse digitali (portatili, smartphone, tablet) ed un kit Lego specifico per lo storytelling, Lego StoryStarter. I bambini, divisi in gruppi, si lasciavano trascinare da storie di fantasia su personaggi poco usuali nella vita quotidiana (un personaggio-scheletro, uno stregone, un cavaliere) in cui i pericoli erano sempre in agguato in ambientazioni talvolta futuristiche, ma dal finale ironico mai scontato. Dall’invenzione di una loro storia hanno poi accolto la sfida di seguire una traccia prestabilita, senza per questo perdere la motivazione. Come nel teatro di figura, in un gioco di drammatizzazione tra protagonisti ed antifigure (grazie a Marialaura per aver adoperato questo termine così preciso durante i laboratori), i bambini hanno svolto le “prove generali” dei loro personaggi, prima di imbattersi nell’animazione digitale. L’uso dello stop motion è stato difatti introdotto nella fase finale del laboratorio, per capire che cos’è un fotogramma, ottenere la sequenza voluta di una scena ed utilizzare un’applicazione specifica per il montaggio e la modifica del filmato prodotto, non dimenticando di costruire uno sfondo neutro intorno alla scena a coprire ciò che è dietro alla stessa, il backstage. Infine, a rendere il tutto cinematografico, la presenza degli effetti speciali: un filo di nylon trasparente ha aiutato i bambini a far “volare” una curiosa navicella spaziale.

In questo percorso non è stato tanto importante il risultato finale ottenuto, ma l’iniziativa, l’impegno e la collaborazione di ciascun gruppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *