#Robosummer 2015: come sta andando?

Il gruppo dei bambini lavora con Little Bits
Il gruppo dei bambini lavora con Little Bits

E’ il secondo giorno di Summer School, qui il Villaggio del Ragazzo, e come ogni anno cercherò di raccontarvi in diretta cosa sta succedendo intorno a me.

Ieri abbiamo dato ufficialmente il via ai lavori e ci siamo divisi in due gruppi, ulteriormente separati in altre due parti, scelte sulla base delle età per quanto riguarda i bambini e delle attitudini/competenze nel caso degli adulti.
Io sto seguendo la sessione riguardante lo Storytelling (ma va?!??) gestita da Emanuele, mentre Davide tiene le fila delle lezioni su BYOR, il kit robotico realizzato in collaborazione con Mediadirect Campus Store.

Con il mio gruppo stiamo lavorando su Scratch Jr, una novità che  almeno come primo impatto preferisco alla “versione standard”, mentre i partecipanti che si stanno misurando con #BYOR hanno affrontato l’utilizzo dei led, dell’SOS e creato messaggi con il codice morse.

I più piccoli hanno vissuto il loro primo approccio alla robotica impiegando le Bee-Bot con Donatella, Fiorella e Sandra, il gruppo seguito da Andrea, invece, ha messo in campo diversi kit robotici come il Lego WeDo e i Little Bits (in foto vedete due delle bambine che partecipano al Summer Camp intente a fotografare i loro risultati).

Mentre vi scrivo sto ascoltando un’interessante lezione di Fiorella sulla Roboetica e sul suo imprescindibile rapporto con la società, ricco di implicazioni politiche, morali ed economiche, pronta a immergermi di nuovo in un mondo di storie, tecnologia e condivisione delle idee.

Ci aggiorniamo presto, per vedere insieme, alla fine, come è andata!

This article is also available in: Inglese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *