Il pesciolino che si guarda intorno

E siamo arrivati quindi al nostro terzo incontro. Oggi ci inventeremo una storia e la animeremo ma non più con i lego, bensì con materiali di riciclo. Faremo rivivere scatole di scarpe, confezioni della pasta fresca e cartocci di latte! Ma prima di tutto dobbiamo inventarci la storia. L’inizio è già stato scritto ed è il seguente: “C’era una volta un pesciolino che viveva in fondo al mare. Ovunque guardasse intorno a sé vedeva solo alghe. Erano bellissime alghe verdi e rigogliose ma lui voleva vedere cosa c’era oltre quel mare di alghe, e così un bel giorno….”.

Ed ecco come abbiamo deciso di farla continuare: “… decide di prendere un areo acquatico per andare a visitare un acquario in America. In questo acquario incontra un pesce palla un po’ dispettoso. Il pesce palla fa infatti scomparire la stella cometa che al nostro pesciolino serve per ritrovare la strada di casa. Fortunatamente il nostro amico pesciolino incontra un robot molto gentile (e dovevamo per forza incontrare un robot perché Francesco, Lorenzo e Matteo è dalla primo momento che ci siamo visti che vogliono assolutamente costruire un robot!) che si arrampica sull’albero più alto del bosco e rimette al suo posto la stella cometa. A questo punto, il nostro pesciolino, stanco di tutte queste avventure, decide di ritornare al suo mare di alghe.”

E adesso costruiamo. Il pesciolino che si guarda intorno per vedere cosa succede oltre le alghe lo ho costruito io come esempio, ora tocca ai miei piccoli amici scegliere un’altra parte della storia da animare. Il robot che rimette a posto la stella cometa è gettonatissimo, ma anche il pesce palla piace come soggetto. Purtroppo non ho foto da mostrarvi perché la fase di costruzione è stata frenetica, posso solo dirvi che ad un certo punto è arrivata la bidella dicendoci che i genitori si chiedevano a che ora saremmo usciti… nell’enfasi della costruzione non ci eravamo accorti che era già finito il tempo a nostra disposizione! La prossima volta finiremo le nostre costruzioni in movimento e magari riusciremo anche a fare qualche foto per mostrarvi il nostro lavoro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *